giovedì 4 febbraio 2010

E ora la sentenza

Comincia l’udienza alle 13.30 con il ritiro di parte civile da parte di coloro che si ritenevano danneggiati, con un discorsetto di accompagnamento che tenta di screditare il ruolo della coordinatrice del comitato “Vigiliamo per la discarica”, Etta Ragusa, in quanto non avrebbe usato gli stessi metodi di difesa dei deboli e dell’ambiente, per proteggere il buon nome del gestore della discarica.

Sembra disgustoso ma ormai si è abituati a tutto.

Il Pubblico ministero chiede l’assoluzione perché il fatto non sussiste, ma anche a voler arzigogolare, si vedeva lontano un miglio, specie dopo la deposizione dell'A.D. Boccini, nella precedente udienza, l’inconsistenza di ogni accusa.

La difesa appropriata dei fratelli avvocati Lupo, appassionata e circostanziata, che fa rilevare innanzitutto che, non poteva esserci conoscenza del fascicolo e quindi violazione di segreto in un processo che ha acquisito il fascicolo delle regalie di Ecolevante, solo dopo che la prof. Etta Ragusa lo aveva depositato alla Procura della Repubblica.

Questa sera alle ore 17.00 ci sarà la sentenza e, a scanso di sorprese non si anticipa il verdetto che sarà apposto sotto questo post.


ore 17.45

Etta Ragusa assolta perchè il fatto non sussiste

Nessun commento:

Posta un commento